I campi italiani sempre più bio: aumento del 63% in 5 anni

Lo certifica l'Eurostat. In termini assoluti, il nostro Paese è secondo solo alla Spagna per ettari coltivati con metodo biologico

Continua la crescita del biologico in Italia: tra il 2012 e il 2017, le superfici coltivate con metodo "organico" sono cresciute del 63%. Raggiungendo il 14,9% dell'intero territorio agricolo. E' quanto emerge dai dati pubblicati oggi dall'Eurostat.

In quanto a crescita, di più hanno fatto solo Bulgaria (+249%), Croazia (+202%) e Francia (+69%). L'Italia, con oltre 1,9 milioni di ettari si conferma tra i Paesi con le estensioni bio più grandi in termini assoluti, al secondo posto dopo la Spagna (2,1 milioni di ettari).

Nel 2017 l'area coltivata a biologico nell'Ue è stata di 12,6 milioni di ettari, il 7% della superficie agricola utilizzata totale, con un aumento del 25% tra il 2012 e il 2017. I Paesi con le maggiori quote di superficie a bio o in conversione sul totale sono l'Austria (23,4% del totale), l'Estonia (19,6%), Svezia (19,2%), seguita da Italia (14,9%), Repubblica ceca (14,1 %), Lettonia (13,9%) e Finlandia (11,4%).

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Glifosato vietato in Austria. È il primo Paese europeo a dire addio all’erbicida 

  • Gli squali del Mediterraneo sono in estinzione

  • "Prosciutto più nocivo di maionese? Etichetta ingannevole": agricoltori italiani contro il Nutriscore

  • Al Sud lavoro in agricoltura per 22mila giovani, ma 3 su 4 vengono respinti

  • Tagliare 300 calorie al giorno fa bene al cuore, anche di chi è in forma

  • Sovrasfruttamento nel mare di Sicilia, “56 pescherecci con reti a strascico in zone protette”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento