I britannici temono l'arrivo di pollo al cloro e carne agli ormoni dagli Usa dopo la Brexit

Secondo un sondaggio addirittura il 95% dei cittadini vorrebbe mantenere gli attuali standard europei, ma Londra sta trattando con Trump un accordo commerciale che spaventa molti

Un allevamento intensivo di polli - foto archivio Ansa EPA/ROBIN VAN LONKHUIJSEN

Sarebbero quasi la totalità i britannici che vogliono che dopo la Brexit non ci sia alcuna apertura all'importazione di carne di pollo disinfettata con acidi o cloro e quella di animali trattati con ormoni della crescita.

Il sondaggio

Lo rivela un sondaggio di Populus per il gruppo di tutela dei consumatori Which? scondo cui per il 95% dei cittadini del Paese è importante per il Regno Unito mantenere gli standard alimentari esistenti e impedire la vendita di tali prodotti. La ricerca ha rivelato che l'86% teme che gli standard alimentari in Gran Bretagna possano essere indeboliti nell'ambito di potenziali accordi commerciali, soprattutto quello con gli Stati Uniti di Donald Trump. Il governo del premier inglese Boris Johnson sta già trattando nuovi trattati di libero scambio e all'inizio del mese si è rifiutato di assicurare che avrebbe mantenuto un precedente impegno a mantenere il cosiddetto "pollo al cloro" lontano dagli scaffali del Regno Unito, in quello che da alcuni è stato considerato un segno del fatto che i negoziatori britannici starebbero subendo, e anche accettando, la pressione della controparte statunitense.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allevamenti intensivi

La pratica di usare acido lattico o cloro in Europa è vietata da anni perché nei fatti è un trucco per permettere alle fattorie intensive di risparmiare allevando animali in condizioni malsane per poi disinfettarne la carne una volta macellata. Il dibattito si è molto riacceso nel Paese dopo che mesi fa il popolare tabloid Daily Mirror ha pubblicato un reportage proprio sulle fattorie statunitensi mostrando un quadro veramente terribile, con migliaia di polli tenuti in stanze dove manca l'aria aria, con pochissimo spazio e con i corpi coperti di piaghe.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scoperto nei maiali in Cina nuovo virus “con potenziale pandemico per l’uomo”

  • “Mangiate meno formaggio”, la 'rivoluzione' francese per il bene del clima

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • La Malesia denuncia l'Ue al Wto: “Lo stop all’olio di palma danneggia la nostra economia”

  • Le condizioni di lavoro nei macelli li rendono possibili focolai di coronavirus

  • Via libera all'etichetta per tutelare i salumi Made in Italy

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento